Centri

Il ghetto ebraico veneziano è un sito isolato sul canale nel quartiere di Canaregio, dove gli ebrei furono sfrattati durante la Repubblica di Venezia. La stessa parola “ghetto” deriva dall’italiano “ghetto” – “scorie”, che era usato in relazione alla fonderia, che accumulava scorie, situata sulla stessa isola dell’insediamento ebraico.
Una spiegazione alternativa viene dalla parola italiana “borghetto” derivata da borgo – “piccola città”
Gli ebrei iniziarono a stabilirsi a Venezia già nel XII secolo, principalmente nell’isola della Giudecca. Nel 1516 il Papa emanò un ordine per l’espulsione degli ebrei da Venezia. Il Consiglio dei Dieci ha preso una decisione di compromesso per sistemare gli ebrei su un’isola separata nel quartiere di Cannaregio. L’insediamento divenne noto come Getto Nuovo – una nuova fonderia. Successivamente lo stesso nome venne usato per tutte le enclave ebraiche in Europa.
Il Ghetto Veneziano è un isolotto separato dal resto di Venezia da canali, attraverso i quali vengono gettati tre ponti. La sera, i cancelli di questi ponti erano chiusi e agli ebrei, ad eccezione dei medici, era vietato lasciare il ghetto di notte. Il cancello era sorvegliato da guardie cristiane. Nel tempo, gli ebrei furono autorizzati a lasciare il ghetto a condizione di speciali copricapi e insegne gialle.
Oltre alle restrizioni geografiche, agli ebrei era vietato anche impegnarsi in determinate attività. Sono stati autorizzati a dedicarsi alla produzione, all’usura e alla medicina. A loro era vietato dedicarsi alle arti visive e possedere proprietà immobiliari.
Il numero del ghetto è cresciuto e, di conseguenza, è cresciuto anche il numero di piani di case. Solo qui puoi vedere i “grattacieli veneziani” – edifici fino a 8 piani.
Nel 1541 il Ghetto Vecchio (Ghetto Vecchio Italiano) fu aggiunto all’area, e nel 1633 il Ghetto Più Nuovo (Ghetto Novissimo Italiano). A questo punto, la popolazione ebraica di Venezia superava i 5.000 ed era composta da due comunità: Ashkenazi e Sefardita. Successivamente, c’erano 5 sinagoghe nel ghetto per varie comunità ebraiche.
La porta del Ghetto fu smantellata da Napoleone nel 1797, ma ricostruita con l’arrivo degli Austriaci. Alla fine furono demoliti nel 1866.
Ancora oggi nel Ghetto (all’ingresso della Fondation di Cannaregio) è conservata una lastra di pietra che spiega la punizione a cui sarà sottoposto un ebreo battezzato, che continua ad osservare segretamente i riti ebraici.